martedì, Settembre 27, 2022
HomeAttualitàIL CLUB DEL SESSO CERCA PERSONALE

IL CLUB DEL SESSO CERCA PERSONALE

Ottimo stipendio e giorni di riposo, ma il locale stenta a trovare risorse da impiegare. La causa starebbe nella gelosia delle mogli

Il club del sesso cerca personale, ma non ne trova. Accade a Villach, cittadina della Carinzia (Austria) vicina al confine italiano e sloveno, dove il titolare del club Andiamo Cristiano Fabris, originario di San Donà di Piave, sta cercando baristi, receptionist e cuochi, ma non riesce a trovarli. La motivazione sembra molto semplice: le mogli o le fidanzate sono gelose.

Fabris si è trasferito nel 2018 in Austria dove la prostituzione è legale. Se da un lato non c’è mancanza di libertà, c’è però mancanza di personale. L’appello dell’imprenditore è rivolto alla ricerca di 15 persone tra addetti alla reception, baristi e cuochi.

La retribuzione e il trattamento, afferma Fabris, sarebbero in linea con le leggi austriache. Inoltre, l’attività è in regola e il compenso naturalmente è equiparato alle competenze. Si percepiscono 14 mensilità, partendo da 1.500 euro al mese netti. Lo stipendio di un addetto all’ingresso va dai 1.500 ai 1.700 euro. La mansione prevede il dare informazioni telefoniche quando chiamano i clienti, l’accoglienza degli stessi, spiegare come funzione l’ingresso giornaliero, fornire il kit per la zona relax e incassare il costo delle consumazioni extra. Ulteriore competenza richiesta è la conoscenza di italiano, inglese e tedesco. Per un barista si va dai 1.500 ai 1.600 euro in base all’esperienza e c’è anche un premio-produzione in funzione delle consumazioni e delle capacità professionali: si può arrivare quindi a 2.200 euro. Un cuoco guadagna in media dai 2.000 ai 2.400 euro, per il capo-cucina si arriva a 3.000 euro. Si lavora di più chiaramente venerdì, sabato e domenica. Si tratta di contratti da 40-42 ore settimanali, due giorni liberi alla settimana e un mese di ferie l’anno.

Il motivo della difficoltà nel trovare personale, dice ancora Fabris al quotidiano “Il Gazzettino”, non sta nello stipendio ma proprio nel posto di lavoro: a mogli e fidanzate non sta bene che il proprio uomo sia ogni giorno in compagnia di ragazze sexy. C’è poi chi ha famiglia, per cui la moglie non è d’accordo che si impegni in questo settore. Anche nei locali “normali” si fa fatica a trovare dipendenti, figurarsi in un posto dove sembra che ci sia il demonio, in realtà offriamo un lavoro più che dignitoso.

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli popolari

Commenti recenti